Ulcere da Pressione

In questa sezione trovate le indicazioni per la cura delle ulcere da pressione con l’impiego dell’ossigenoterapia iperbarica

Trattamento primario delle ulcere da pressione è l’eliminazione della causa scatenante, il supporto nutrizionale e la medicazione dell’ulcera cutanea. Spesso si fa ricorso alla chirurgia con escissione dell’ulcera e chiusura per prima intenzione, innesto cutaneo o utilizzo di lembi cutanei. L’OTI è solo occasionalmente utile in caso di osteomielite o di sofferenza di innesti e lembi subito dopo il loro confezionamento allo scopo di aumentare le possibilità di attecchimento e diminuire di conseguenza il rischio di infezione e di fallimento dell’intervento (in relazione alle sedi delle lesioni iniziali)

Raccomandazioni SIMSI e pratica clinica

Ulcere da pressione in pazienti paraplegici con aspettativa di vita lunga

in vista di intervento ricostruttivo o nell’immediato post-operatorio nel caso di sofferenza dell’innesto o lembo scolpito

Ulcere da pressione (specie dei talloni) in pazienti di qualsiasi età con possibilità di riabilitazione

in vista di intervento ricostruttivo o nell’immediato post-operatorio nel caso di sofferenza dell’innesto o lembo scolpito.

Nel caso di ulcere degli arti inferiori è necessario attuare lo studio vascolare prima di avviare il paziente all’OTI.
E’ necessaria una valutazione per una possibile rivascolarizzazione chirurgica
L’OTI è indicata elettivamente nelle ulcere da pressione in presenza di un flusso ematico efficace (PA Sist. alla caviglia>40 mmHg)
L’ossimetria transcutanea guida alla corretta applicazione dell’OTI. Una pTcO2basale >10mmHg risulta essenziale per l’indicazione all’OTI, una pTcO2 basale >20mmHg, nei pazienti diabetici.